392133
Oggi
Questa settimana
Questo mese
Generale
309
673
4544
392133

Server Time: 2024-02-20 23:49:14
Visitors Counter

Presentazione Il Congedo

(nota per presentazione/libro alle “Scuderie” del Palazzo Comunale di Radicondoli)

 

Dopo quanto è stato letto, visto e detto ben poco ci sarebbe da aggiungere per “conquistare” il possibile lettore de IL CONGEDO. Tuttavia vorrei soffermarmi su un aspetto – quello specificamente urbano – caratterizzante questi racconti come tutta la mia narrativa.

 

Naturalmente per spiegare le origini di ciò potrei rammentare di essere nato e cresciuto in un luogo che, per la presenza di una ferriera i cui chiodi sono serviti forse a ferrare per anni anche i cavalli di queste scuderie, ha accelerato in poco tempo il suo passaggio da paese agricolo a cittadina industriale oggi in stato comatoso.

Questo però conterebbe ben poco se quegli anni non fossero stati decisivi per la mia gioventù apprendista. Sopra tutto perché allora ho potuto frequentare sia la biblioteca del circolo ricreativo aziendale sia quella comunale dove ho incontrato, prima che potessi permettermi di portarli e trattenerli in casa mia, i libri che hanno strutturato il mio pensiero e più tardi modellato e scolpito il mio stile letterario.

 

Con ciò intendo ribadire che è dalla letteratura che si è sviluppata – e continua a farlo – la mia narrativa. Da una letteratura che s’inaugura nel Trecento quando la lingua volgare si fa eloquente e critico strumento civile a tutti gli effetti. Una letteratura che poi nel Novecento è stata – almeno quella secondo me più importante – prettamente metropolitana. Specie fra le due guerre mondiali quando in una sorta di lucida e attiva convalescenza ha prodotto, sopra tutto in area centro-europea di lingua tedesca, le più notevoli interpretazioni ed espressioni del proprio tempo di crisi. Ed anche, al contempo, gl’indispensabili strumenti d’indagine per chi – sconfitto dall’attuale latitanza di ogni coscienza critica – si ostina a volere una vita vera, fatalmente spoglia ma non straziata e messa al bando dall’irrimediabile trionfo di un mondo tanto perduto quanto capitale.

 

Radicondoli, 31 VII 2005